CAS: 3033-77-0
Documento di Riferimento


Elementi identificativi della sostanza
EC: 221-221-0 Formula di struttura:
CAS: 3033-77-0 Formula di struttura
Nome sostanza: cloruro di 2,3-epossipropiltrimetilammonio ...%; cloruro di glicidile trimetilammonio ...%
Nome sostanza nel gruppo di appartenenza: 2,3-epoxypropyltrimethylammonium chloride
Gruppo di appartenenza:0 - Altre sostanze non appartenenti ai gruppi precedenti
Nome sostanza (ESIS): 2,3-epoxypropyltrimethylammonium chloride
Formula molecolare: C6H14NO.Cl
Peso molecolare: 151,66

Classificazione e informazioni di etichettatura
(Allegato I Direttiva 67/548/EEC)
Numero Indice: 603-211-00-1
Classificazione: Carc. Cat. 2; R45 - Muta. Cat. 3; R68 - Repr. Cat. 3; R62 - Xn; R21/22-48/22 - Xi; R41 - R43 - R52-53
Frasi di rischio:
CodiceDescrizione
R21Nocivo a contatto con la pelle.
R22Nocivo: pericolo di gravi danni alla salute in caso di ingestione.
R41Rischio di gravi lesioni oculari
R43Può provocare sensibilizzazione per contatto con la pelle.
R45Può provocare il cancro.
R48/22Nocivo: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata per ingestione.
R52Nocivo per gli organismi acquatici.
R53Può provocare a lungo termine effetti negativi per l'ambiente acquatico.
R62Possibile rischio di ridotta fertilità.
R68Possibilità di effetti irreversibili.

Consigli di prudenza:
CodiceDescrizione
S45In caso di incidente o di malessere consultare immediatamente il medico (se possibile, mostrargli l'etichetta).
S53Evitare l'esposizione - procurarsi speciali istruzioni prima dell'uso.
S61Non disperdere nell'ambiente. Riferirsi alle istruzioni speciali/ schede informative in materia di sicurezza

Indicazioni di pericolo:
CodiceDescrizioneImmagine
TTossicoImmagine simbolo pericolo



Classificazione e informazioni di etichettatura
(Allegato VI parte 3 del Regolamento CE 1272/2008 e successivi aggiornamenti)
Numero Indice
603-211-00-1
Nome Sostanza
2,3-epoxypropyltrimethylammonium chloride ...%; glycidyl trimethylammonium chloride ...%
Classe e categoria di pericolo:
Carc. 1B Muta. 2 Repr. 2 Acute Tox. 4 * Acute Tox. 4 * STOT RE 2 * Eye Dam. 1 Skin Sens. 1 Aquatic Chronic 3
Indicazioni di pericolo:
H350 H341 H361f*** H312 H302 H373** H318 H317 H412


Classe e categoria di pericolo Avvertenza Descrizione
Cancerogenicità Categoria di pericolo 1B Pericolo H350 - Può provocare il cancro (indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo rischio).
Mutagenicità sulle cellule germinali Categoria di pericolo 2 Attenzione H341 - Sospettato di provocare alterazioni genetiche (indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo).
Tossicità per la riproduzione Categoria di pericolo 2 Attenzione H361f - Sospettato di nuocere alla fertilità
(***) indicazioni di pericolo generali sugli effetti per la fertilità e per lo sviluppo; secondo i criteri, l’indicazione di pericolo generale può essere sostituita da un’indicazione di pericolo specificante la natura del pericolo, ove fosse dimostrata l’irrilevanza degli effetti o sulla fertilità o sullo sviluppo
Tossicità acuta (Per via cutanea) Categoria di pericolo 4 (classificazione minima; va riservata un'attenzione particolare) Attenzione H312 - Nocivo per contatto con la pelle.
Tossicità acuta (Per via orale) Categoria di pericolo 4 (classificazione minima; va riservata un'attenzione particolare) Attenzione H302 - Nocivo se ingerito.
Tossicità specifica per organi bersaglio - esposizione ripetuta Categoria di pericolo 2 (classificazione minima) Attenzione H373 - Può provocare danni agli organi (o indicare tutti gli organi interessati, se noti) in caso di esposizione prolungata o ripetuta (indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo).
(**) indicazione di pericolo generale; non è specificata la via di esposizione, in mancanza delle necessarie informazioni
Lesioni oculari gravi/irritazione oculare Categoria di pericolo 1 Pericolo H318 - Provoca gravi lesioni oculari.
Sensibilizzazione cutanea Categoria di pericolo 1 (della pelle) Attenzione H317 - Può provocare una reazione allergica della pelle.
Pericoloso per l’ambiente acquatico - pericolo cronico, categoria 3 - H412 - Nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata.

Pittogrammi:
GHS05
GHS08
GHS07
Dgr
Pericolo (Danger)
Consigli di prudenza:
Prevenzione Descrizione
P201 Procurarsi le istruzioni prima dell’uso.
P202 Non manipolare prima di avere letto e compreso tutte le avvertenze.
P260 Non respirare la polvere/i fumi/i gas/la nebbia/i vapori/gli aerosol. Condizioni applicabili da precisarsi dal fabbricante/fornitore. Per Corrosione cutanea, Tossicità per la riproduzione - effetti sull’allattamento o attraverso l’allattamento, specificar
P261 Evitare di respirare la polvere/i fumi/i gas/la nebbia/i vapori/gli aerosol (Condizioni applicabili da precisarsi dal fabbricante/fornitore.)
P264 Lavare accuratamente … dopo l’uso (Parti del corpo da lavare dopo la manipolazione da precisarsi dal fabbricante/fornitore).
P270 Non mangiare, né bere, né fumare durante l’uso.
P272 Gli indumenti da lavoro contaminati non dovrebbero essere portati fuori dal luogo di lavoro.
P273 Non disperdere nell’ambiente (se questo non è l’uso previsto)
P280 Indossare guanti/indumenti protettivi/Proteggere gli occhi/Proteggere il viso. Tipo di dispositivo da precisarsi dal fabbricante/fornitore. Per Esplosivi precisare: proteggere il viso. Per Liquidi infiammabili, Solidi infiammabili, Sostanze e miscele auto
P281 Utilizzare il dispositivo di protezione individuale richiesto.

Reazione Descrizione
P301 + P312 IN CASO DI INGESTIONE accompagnata da malessere: contattare un CENTRO ANTIVELENI o un medico.
P302 + P350 IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: lavare delicatamente e abbondantemente con acqua e sapone.
P302 + P352 IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: lavare abbondantemente con acqua e sapone.
P305 + P351 + P338 IN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI: Sciacquare accuratamente per parecchi minuti. Togliere le eventuali lenti a contatto se è agevole farlo. Continuare a sciacquare.
P308 + P313 In caso di esposizione o di temuta esposizione, consultare un medico.
P310 Contattare immediatamente un CENTRO ANTIVELENI o un medico.
P314 In caso di malessere, consultare un medico.
P321 Trattamento specifico (vedere … su questa etichetta). Per Tossicità acuta - per via orale: Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso se è necessaria la somministrazione immediata di un antidoto. Per Tossicità acuta - per inalazione, Tossic
P322 Interventi specifici (vedere … su questa etichetta). Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso, se sono consigliati interventi (immediati) quali l’uso di un prodotto di pulizia particolare.
P330 Sciacquare la bocca.
P333 + P313 In caso di irritazione o eruzione della pelle, consultare un medico.
P363 Lavare gli indumenti contaminati prima di indossarli nuovamente.

Conservazione Descrizione
P405 Conservare sotto chiave.

Smaltimento Descrizione
P501 Smaltire il prodotto/recipiente in … (in conformità alla regolamentazione locale/regionale/nazionale/internazionale (da specificare).

Note:
Codice Descrizione
B Talune sostanze (acidi, basi, ecc.) sono immesse sul mercato in soluzione acquosa a diverse concentrazioni e richiedono pertanto una classificazione e un'etichettatura diverse poiché i pericoli variano in funzione della concentrazione. Nell'allegato VI, parte 3, del regolamento (CE) n. 1272/2008 per le sostanze accompagnate dalla nota B è utilizzata una denominazione generale del tipo: «acido nitrico...%». In questo caso il fornitore deve indicare sull’etichetta la concentrazione della soluzione in percentuale. La concentrazione espressa in percentuale viene sempre intesa peso/peso, salvo altra indicazione.




Informazioni generali Proprietà chimico fisiche Proprietà ecotossicologiche e di distribuzione ambientale




A cura della Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali - Divisione IV Valutazione e riduzione dei rischi da prodotti chimici e organismi geneticamente modificati - dott. Carlo Zaghi, d.ssa Susanna Lupi, d.ssa Serena Santoro, - Via Cristoforo Colombo, 44 - 00147 ROMA - sostanzechimiche@minambiente.it